Manuale di DeLonghi Pinguino PAC WE110 ECO

Visualizza di seguito un manuale del DeLonghi Pinguino PAC WE110 ECO. Tutti i manuali su ManualsCat.com possono essere visualizzati gratuitamente. Tramite il pulsante "Seleziona una lingua", puoi scegliere la lingua in cui desideri visualizzare il manuale.

  • Marca: DeLonghi
  • Prodotto: Climatizzatori
  • Modello/nome: Pinguino PAC WE110 ECO
  • Tipo di file: PDF
  • Lingue disponibili: Tedesco, Olandese, Italiano

Sommario

Pagina: 1
2
•	 Utilizzate l’apparecchio solo come indicato in
questo libretto.  Queste istruzioni non inten-
dono coprire ogni possibile condizione e si-
tuazione che può presentarsi.  Bisogna sem-
pre far ricorso al buon senso e alla prudenza
nell’installazione, nel funzionamento e nella
conservazione di ogni elettrodomestico.
• 	 Questo apparecchio è stato costruito per cli-
matizzare gli ambienti domestici e non deve
essere adoperato per altri scopi.
• 	 É pericoloso modificare o alterare in qualsia-
si modo le caratteristiche dell’apparecchio.
• 	 L’apparecchio deve essere installato rispet-
tando le norme nazionali che disciplinano gli
impianti elettrici.
• 	 Per eventuali riparazioni, rivolgetevi sempre
ed esclusivamente ai Centri di Assistenza
Tecnica  autorizzati dalla Casa Costruttrice.
	 Le riparazioni effettuate da personale incom-
petente possono essere pericolose.
• 	 Questo apparecchio deve essere usato esclu-
sivamente da adulti.
• 	 Non consentire l’uso dell’apparecchio a per-
sone (anche bambini) con ridotte capacità
psico-fisico-sensoriali, o con esperienza e
conoscenze insufficienti, a meno che non
siano attentamente sorvegliate e istruite da
un responsabile della loro incolumità.
	 Sorvegliare i bambini, assicurandosi che non
giochino con l’apparecchio.
• 	 Questo apparecchio deve essere collegato ad
un efficace impianto di terra. Fate controllare
l’impianto elettrico da un elettricista qualifi-
cato.
• 	 Evitate l’utilizzo di prolunghe per il cavo di
alimentazione elettrica.
• 	 Prima di ogni operazione di pulizia o di ma-
nutenzione, staccate sempre la spina dalla
presa di corrente.
• 	 Non tirate il cavo di alimentazione elettrica
per spostare l’apparecchio.
• 	 Non installate l’apparecchio in ambienti dove
l’aria può contenere gas, olio, zolfo o in pros-
simità di fonti di calore.
• 	 Mantenere l’apparecchio ad una distanza di
almeno 50 cm da sostanze infiammabili (al-
cool etc.) o da contenitori in pressione (es.
bombolette spray).
• 	 Non appoggiate oggetti pesanti o caldi sopra
l’apparecchio.
• 	 Pulite i filtri dell’aria almeno ogni settimana.
• 	 Evitate di utilizzare apparecchi di riscalda-
mento in prossimità del climatizzatore.
• 	 In caso di trasporto, l’apparecchio deve re-
stare in posizione verticale o adagiato su
un fianco.  Prima di un trasporto rimuovere
completamente l’acqua contenuta all’interno
dell’apparecchio. Dopo un trasporto, atten-
dete almeno 1 ora prima di avviare l’apparec-
chio.
• 	 Non coprite l’apparecchio con sacchi di pla-
stica quando viene riposto.
• 	 I materiali utilizzati per l’imballaggio sono
riciclabili. Si consiglia quindi di riporli negli
appositi  contenitori per la raccolta differen-
ziata.
• 	 Alla fine della sua vita utile, consegnate il
climatizzatore presso gli appositi centri di
raccolta.
• 	 Se il cavo di alimentazione è danneggiato,
esso deve essere sostituito dal costruttore o
dal suo servizio assistenza tecnica, in modo
da prevenire ogni rischio.
• 	 Questi modelli devono essere collegati ad un
sistema di alimentazione con impedenza non
superiore a 0,347 Ohm. Limitazioni alla con-
nessione e all’uso delle apparecchiature po-
trebbero essere imposte dall’ente fornitore,
se l’attuale impedenza del sistema, nel punto
di interfaccia utente/rete, supera 0,347 Ohm,
In caso di necessità consultare il proprio for-
nitore di energia.
Verificare sulla targa caratteristiche il tipo di gas
refrigerante utilizzato nel vostro apparecchio.
Avvertenze specifiche per apparecchio con
gas refrigerante R410A
R410A è un gas refrigerante che rispetta i rego-
lamenti CE sull’ecologia. Si raccomanda di non
perforare il circuito frigorifero dell’apparecchio.
INFORMAZIONE AMBIENTALE: questa unità con-
tiene gas fluorurati a effetto serra contemplati dal
Protocollo  di Kyoto. Le operazioni di manuten-
zione e smaltimento devono essere eseguite solo
da personale qualificato (R410A, GWP=1975).
Avvertenze specifiche per apparecchio con
gas refrigerante R290
•	 Leggere attentamente le avvertenze.
•	 Per il processo di sbrinamento e per la
pulizia non utilizzare strumenti diversi da
quelli raccomandati dalla ditta costruttrice.
•	 L’apparecchio va posizionato in un
avvertenze I M P O R T A N T I
Pagina: 2
3
ambiente privo di sorgenti di accensione
in funzionamento continuo (per esempio:
fiamme libere, apparecchiature a gas o
elettriche in funzione).
•	 Non forare e non bruciare.
•	 I gas refrigeranti possono essere inodori.
•	 L’apparecchio va installato, utilizzato e
conservato in un ambiente con superficie
superiore a 15 m2
.
•	 Questo apparecchio contiene circa 300 gr. di
gas refrigerante R290.
•	 R290 è un gas refrigerante conforme
alle direttive europee sull’ambiente. Non
perforare nessuno dei componenti del
circuito frigorifero.
•	 Il locale non ventilato in cui venisse installato,
azionato o conservato l’apparecchio deve
essere tale da impedire il ristagno di eventuali
perdite di refrigerante con conseguente
pericolo di incendio o di esplosione, dovuto
all’accensione del refrigerante provocata da
stufe elettriche, fornelli o altre sorgenti di
accensione.
•	 L’apparecchio va conservato in modo tale da
prevenire i guasti meccanici.
•	 Le persone che lavorano o intervengono
su un circuito frigorifero devono essere
in possesso di adeguata certificazione,
rilasciata da un ente accreditato, che attesti
la competenza a maneggiare i refrigeranti in
conformità con una specifica di valutazione
riconosciuta dalle associazioni di settore.
•	 Gli interventi di riparazione devono essere
eseguiti in base alle raccomandazioni
della ditta costruttrice dell’apparecchio. Le
operazioni di manutenzione e di riparazione
che richiedono l’assistenza di altro personale
qualificato devono essere eseguite sotto
la supervisione della persona specializzata
nell’impiego dei refrigeranti infiammabili.
Avvertenze per il corretto smaltimento
del prodotto ai sensi della direttiva
europea 2002/96/EC e del Decreto
Legislativo n. 151 del 25 luglio 2005.
Alla fine della sua vita utile il prodotto
non deve esser smaltito insieme ai rifiuti urbani.
Può essere consegnato presso gli appositi
centri di raccolta differenziata predisposti dalle
amministrazioni comunali, oppure presso i
rivenditori che forniscono questo servizio.
Smaltire separatamente un elettrodomestico
consentedievitarepossibiliconseguenzenegative
per l’ambiente e per la salute derivanti da un suo
smaltimento inadeguato e permette di recuperare
i materiali di cui è composto al fine di ottenere un
importante risparmio di energia e di risorse. Per
rimarcare l’obbligo di smaltire separatamente
gli elettrodomestici, sul prodotto è riportato il
marchio del contenitore di spazzatura mobile
barrato. Lo smaltimento abusivo del prodotto
da parte dell’utente comporta l’applicazione delle
sanzioni amministrative previste dalla normativa
vigente.
Collegamento elettrico
Prima di collegare la spina  alla presa di corrente,
bisogna verificare che:
•	 la tensione di rete sia conforme al valore
indicato nella targa caratteristiche posta sul
retro della macchina;
•	 la presa e la linea di alimentazione elettrica
siano dimensionate per sostenere il carico
richiesto;
•	 la presa sia del tipo adatto alla spina,
altrimenti far sostituire la presa stessa;
•	 la presa sia collegata ad un efficace impianto
di terra. La casa costruttrice declina ogni
responsabilità nel caso questa norma
antinfortunistica non fosse rispettata.
Cos’è Pinguino acqua-aria
Nella stagione estiva, le condizioni di benessere
sono raggiunte con una temperatura compresa  
tra i 24 - 27°C e con una umidità relativa attor-
no al 50%. Il climatizzatore è una macchina che
sottrae umdità e calore dall’ambiente in cui è col-
locata. Rispetto ai modelli da parete, i climatiz-
zatori portatili hanno il vantaggio di poter essere
spostati da una stanza all’altra di una casa e di
essere trasferibili da un edificio all’altro.
L’aria calda della vostra stanza viene fatta passare
attraverso uno scambiatore di calore raffreddato
da un gas refrigerante. In tal modo cede calore e
umidità in eccesso prima di venire re-immessa
nell’ambiente.
Nei modelli monoblocco una piccola parte di
questa aria viene utilizzata per raffreddare il gas
refrigerante e quindi, divenuta calda e umida,
viene rilasciata all’esterno.
Nei modelli acqua-aria, esclusiva De’Longhi, il
calore viene asportato dalla stanza utilizzando
l’effetto raffreddante dell’acqua che, come si può
intuire, è molto superiore rispetto all’aria. Per
questo, sia l’effetto frigorifero che l’efficienza di
questo condizionatore sono senza paragoni.
Pagina: 3
4
Descrizione dell’apparecchio
A	 Griglia uscita aria
B	 Pannello di controllo con display LCD avan-
zato
C	 Maniglia
D	 Griglia
E	 Ruote
F	 Griglia aspirazione aria con filtro antipolve-
re
G	 Connessione scarico condensa
H	 Cavo di alimentazione
I	 Serbatoio a cassetto
J	 Sportellino apertura serbatoio
K	 Tubo scarico aria
L	 Telecomando
M	 Alloggiamento tubo scarico aria
N	 Bocchetta per finestra
O	 Filtro ioni d’argento (solo in alcuni modelli)
P	 Filtro elettrostatico (solo in alcuni modelli)
Q	 Ventosa
R	 Fermaruote
S	 Flangia con tappo
T	 Traversa allungabile
U	 Tubo drenaggio acqua + tappo
V	 Striscia reattiva
A
A
B
F
C
C
C
D
E
J
I
G
H
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
Pagina: 4
5
Se lo desiderate è possibile usare l’accessorio
“Traversa allungabile” (T).
• 	 Inserite la bocchetta per finestre nell’apposi-
ta sede sulla traversa (fig. 4).
• 	 Posizionate la traversa sul davanzale ed
estendetela nelle guide delle vostra tappa-
rella; se lo desiderate è possibile bloccare
la misura con un piolo in dotazione, quindi
abbassate la tapparella (fig. 5).
• 	 Applicate il tubo aria all’estremità della boc-
chetta.
• 	 Avvicinate il climatizzatore alla finestra o
portafinestra e collegate l’altra estremità del
tubo (fig. 7).
• 	 Togliere il tappo situato nella parte posteriore
dell’apparecchio (G) e sostituirlo con il tubo
di drenaggio più tappo (U) come indicato in
figura 6. Questo accorgimento consentirà di
svolgere con maggior semplicità lo scarico
condensa da effettuarsi a fine stagione. Vedi
capitolo “OPERAZIONI DI FINE STAGIONE”.
predisposizione all’uso
Di seguito troverete tutte le indicazioni necessa-
rie per predisporre al meglio il funzionamento del  
vostro climatizzatore.
L’apparecchio deve essere sempre posto in uso
facendo attenzione che non ci siano ostacoli per
l’aspirazione e l’uscita dell’aria.
Climatizzazione senza installazione
Poche semplici operazioni ed il vostro apparec-
chio vi riporta alle condizioni di benessere:
• 	 Fissate il tubo di scarico aria nell’apposito
alloggiamento posto nella parte posteriore
dell’apparecchio (fig. 1).
• 	 Applicate la bocchetta per finestra (N)
all’estremità del tubo (K).
• 	 Avvicinate il climatizzatore ad una finestra o
portafinestra.
•	 Allungate il tubo quanto basta per raggiunge-
re la finestra.
• 	 Assicuratevi di non ostruire il tubo di scarico
aria.
• 	 Aprite leggermente la finestra o portafinestra
e mettete in posizione la bocchetta (fig. 2).
• 	 Se avete una finestra a doppia anta, utilizzate
la ventosa (Q) in dotazione per mantenere
accostati i vetri (fig. 3).
1
2
1
2
1
2
  2
3
  4
  5
  1
Pagina: 5
6
Limitare il più possibile la lunghezza e
le curve del tubo aria evitando qualunque
strozzatura.
Climatizzazione con installazione
Se lo desiderate, l’apparecchio può essere instal-
lato in maniera semi-permanente (Fig. 8).
In questo caso sarà necessario:
•	 Praticare un foro (diametro 134 mm) in una
parete comunicante con l’esterno oppure at-
traverso il vetro di una finestra rispettando le
altezze indicate in fig. 9.
•	 Inserire nel foro l’accessorio flangia (S) in
dotazione seguendo le indicazioni di fig. 10,
11 e 12.
12 inch
30 cm
30 cm
12 inch
MAX 39 inch
MIN 14 inch
nel vetro della finestra
nello zoccolo in legno
della portafinestra
nel muro: vi consigliamo
di isolare la sezione del muro con un idoneo
materiale isolante
• 	 Fissare il tubo di scarico aria (K) all’apposito
alloggiamento posto nella parte posteriore
dell’apparecchio (fig. 1).
• 	 Applicare l’estremità del tubo alla flangia (S).
Ogniqualvolta il tubo non è innestato, il foro
può essere chiuso con il tappo della flangia.
• 	 Togliere il tappo situato nella parte posteriore
dell’apparecchio (G) e sostituirlo con il tubo
di drenaggio più tappo (U) come indicato in
figura 6. Questo accorgimento consentirà di
svolgere con maggior semplicità lo scarico
condensa da effettuarsi a fine stagione. Vedi
capitolo “OPERAZIONI DI FINE STAGIONE”.
Limitare il più possibile la lunghezza e le
curve del tubo aria evitando qualunque stroz-
zatura.
Quando fate un’installazione di tipo semi-
permanente, vi consigliamo di lasciare legger-
mente aperta una porta, anche solo di 1 cm per
garantire il giusto ricambio dell’aria.
1
2
  8
  10
11
  12
  9
134
5
inch
  6
  7
Pagina: 6
7
preparazione all’uso con fun-
zionamento ad acqua
Una volta installato, l’apparecchio è pronto per
l’uso. E’ però possibile aumentarne l’efficacia
utilizzando il funzionamento ad acqua, esclusivo
De’Longhi. Infatti, l’acqua contenuta nel serba-
toio aumenta la potenza raffreddante del vostro
Pinguino riducendo, al tempo stesso, la rumo-
rosità ed il consumo elettrico. L’acqua abbassa
la temperatura del circuito refrigerante molto più
dell’aria e viene in seguito espulsa all’esterno dal
tubo di fuoriuscita aria, sotto forma di vapore.
Tenete presente che:
•	 E’ necessario usare acqua pulita di acquedot-
to non contenente sali.
•	 La durata di una carica d’acqua dipende
molto dalle condizioni ambientali quali tem-
peratura, umidità, isolamento, esposizione
della stanza, numero di persone presenti,
ecc. Orientativamente la durata di funziona-
mento è di circa 6 ore.  La funzione BOOST
(vedi pag. 13) diminuisce la durata di fun-
zionamento fino a circa 4 ore, ma la potenza
frigorifera e l’efficienza aumenteranno.
•	 Una volta terminata l’acqua nel serbatoio,
l’apparecchio segnala la mancanza dell’acqua
con l’accensione dell’apposita spia       nel
pannello di controllo, mentre il funzionamen-
to viene automaticamente commutato da ac-
qua ad aria: nello stesso istante aumenta la
quantità di aria espulsa dal tubo posteriore.
Questo apparecchio ha un filtro anticalca-
re a base di resine che consente di utilizzare
normale acqua di rubinetto.
Le resine impiegate riducono la durezza
dell’acqua e quindi prolungano la vita dell’ap-
parecchio.
Il display visualizza “CF” ogniqualvolta è
necessario sostituire il filtro anticalcare. L’ef-
ficacia del filtro dipende dalla durezza dell’ac-
qua. E’ comunque consigliabile sostituirlo ogni
5 anni.
Programmazione della durezza dell’acqua
Per determinare la durezza dell’acqua utilizzare la
striscia reattiva in dotazione.
•	 	
Togliere dalla sua confezione la striscia reat-
tiva (V).
•	 	
Immergere completamente la striscia in un
bicchiere d’acqua per circa un secondo.
•	 	
Estrarre la striscia dall’acqua e scuoterla leg-
germente. Dopo circa un minuto si formano
1, 2, 3, 4 oppure 5 quadratini di colore rosso,
a seconda della durezza dell’acqua. L’appa-
recchio permette di impostare 3 livelli diver-
si di durezza dell’acqua: tenera (H1), media
(H2) e dura (H3). Determinare il livello di
durezza dell’acqua che andrete ad usare con-
frontando i quadratini di colore rosso della
striscia reattiva con la tabella sottostante.
	 Per impostare il livello di durezza dell’acqua
agire come segue:
1.	 Mettere l’apparecchio in stand-by.
2.	 Tenere premuto il pulsante FAN del pannello
di controllo per 10 secondi. L’apparecchio
emetterà un segnale acustico ed il display
visualizzerà H1,H2oppure H3.
3.	 Con i pulsanti + o -, impostare il livello di du-
rezza determinato con la tabella precedente.
Attendere alcuni secondi affinchè l’imposta-
zione venga acquisita; l’apparecchio emette-
rà un altro segnale acustico e si posizionerà
nuovamente in stand-by.
La macchina è preimpostata in fabbrica su
un livello di durezza media (H2).
Come riempire il serbatoio
Il serbatoio dell’acqua è posizionato nella parte
bassa della macchina. Estrarre il serbatoio, intro-
20
19 Tenera
Tipo di acqua utilizzata Livello
H1
H2
H3
Media
Dura
Pagina: 7
8
ducendo la mano attraverso l’apposito sportelli-
no sovrastante la scritta “PULL” (fig. 13) e tirare
a sè il serbatoio fino a fine corsa. A questo punto
togliere il tappo e versare l’acqua utilizzando un
recipiente a vostra scelta (bottiglia, caraffa, an-
naffiatoio) (fig. 14-15). Attraverso il foro di riem-
pimento è possibile vedere quando il serbatoio è
pieno, si tenga presente che la capacità massima
è di 10 l.
Rimettere il tappo correttamente nella sua sede e
chiudere il serbatoio assicurandosi che sia giun-
to a fine corsa. Il foro del serbatoio è dotato di un
filtro a rete necessario per  impedire l’acciden-
tale introduzione di corpi estranei; questo filtro
se necessario può essere rimosso svitandolo per
essere pulito sotto un getto d’acqua corrente.
•	 Per usufruire del funzionamento ad acqua,
non è necessario riempire completamente il
serbatoio; in questo caso, però, la durata del
funzionamento ad acqua sarà inferiore.
•	 Quando l’acqua ha raggiunto il livello del
foro, non aggiungete altra acqua per evitare
fastidiose tracimazioni: il serbatoio non
	 prevede alcun sistema antitracimazione.
Sostituzione del filtro anticalcare
Spegnere l’apparecchio e scollegare la spina.
Assicurarsi che non ci sia presenza d’acqua nella
macchina svuotando il serbatoio e la vaschetta
interna come indicato nel paragrafo “Operazio-
ni di fine stagione”.
Coricare l’apparecchio sullo schienale come
rappresentato in figura 17 ponendolo sopra un
asciugamano o un cartone per evitare che si pos-
sa graffiare o rovinare. Rimuovere il coperchio
del filtro svitando le 4 viti (fig.17).
Rimuovere delicatamente il filtro ed allentare le
due fascette facendo attenzione che i due tubi di
collegamento del filtro non scivolino all’interno
della macchina. Quindi applicare il nuovo filtro
eseguendo l’operazione al contrario (fig.17-18).
Nel filtro è presente un nottolino (vedi figura 16)
che ne indica l’orientamento corretto. Accertarsi
che il medesimo sia sempre rivolto verso l’inter-
no della macchina e che il punto “A” sia rivolto
verso l’alto.
Durante le operazioni di sostituzione del
filtro anticalcare ci può essere una fuoriuscita
d’acqua. Per questo motivo vi consigliamo di
effettuare la sostituzione in un luogo adatto.
Una volta sostituito il filtro attendere almeno
un’ora prima di riavviare l’apparecchio.
Una volta effettuata la sostituzione del filtro
	 è necessario disattivare l’allarme premendo
per 10 secondi il tasto ON/STAND-BY (15).
	 L’apparecchio emetterà un segnale acustico.
1
2
  13
  14
  15
  16
Pagina: 8
9
descrizione del pannello di con-
trollo con display lcd
avanzato
1	 Simbolo condizionamento
2	 Simbolo deumidificazione
3	 Simbolo ventilazione
4	 Simbolo funzione smart
5	 Simbolo funzione boost
6	 Simbolo funzione sleep
7	 Simbolo allarme
8	 Indicatore di temperatura
9	 Simbolo mancanza acqua
10	 Simbolo timer
11 	Indicatore velocità ventilatore
12	 Indicatore AUTOFAN
13	 Tasto FAN
14	 Tasto incremento (+) e decremento (-) del-
la temperatura
15	 Tasto ON/Stand-by
16	 Tasto MODE (selezione delle modalità)
17 	Ricevitore di segnale del telecomando
funzionamento da pannello di
controllo
Il pannello comandi permette di gestire le princi-
pali funzioni dell’apparecchio. Per  sfruttare com-
pletamente tutte le potenzialità dell’apparecchio è
necessario utilizzare il telecomando.
Accensione dell’apparecchio
•	 Inserire la spina nella presa di corrente.
	 Sul display appaiono due lineette che indica-
no che l’apparecchio è in stand-by (fig. 20).
•	 Premere quindi il tasto        fino all’accensio-
ne dell’apparecchio, apparirà l’ultima funzio-
ne attiva al momento dello spegnimento.
•	 Non spegnere mai il condizionatore staccan-
do direttamente la spina, ma premere il
     tasto        e attendere qualche minuto prima
di staccare la spina: solo così l’apparecchio
potrà effettuare i controlli che ne verificano
lo stato di funzionamento.
1 2 6 7 8 5
9
10
11
3
4
12
16
14
13
17
15
  17
  18
  19
  20
Filtro resine
Coperchio
Pagina: 9
10
Modalità condizionamento (fig. 21)
È ideale per i periodi caldi e afosi in cui c’è bi-
sogno di rinfrescare e, contemporaneamente,  
deumidificare l’ambiente.
Per impostare correttamente questa modalità:
•	 Premere ripetutamente il tasto MODE finchè
appare il simbolo condizionamento.
•	 Selezionare la temperatura da raggiungere
premendo il tasto       o il tasto            	
fino all’apparire del valore desiderato.
•	 Selezionare la velocità di ventilazione deside-
rata premendo il tasto      . Le velocità dispo-
nibili sono 4:
Velocità Massima: per raggiungere il
più velocemente  possibile la temperatura desi-
derata
Velocità Media: se si desidera contene-
re il livello di rumorosità mantenendo comunque
un buon livello di comfort
Velocità Bassa: quando desiderate la
massima silenziosità
AUTOFAN: la macchina sceglie auto-
maticamente la miglior velocità di ventilazione,
in funzione della temperatura impostata sul di-
splay.
Le temperature più adatte all’ambiente nel pe-
riodo estivo variano da 24-27 °C. È comunque
sconsigliabile impostare temperature molto infe-
riori rispetto a quelle esterne.
Modalità deumidificazione (fig. 22)
È ideale per ridurre l’umidità degli ambienti (sta-
gioni intermedie, locali umidi, periodi di pioggia,
ecc.). Per questo tipo di utilizzo, l’apparecchio
deve essere predisposto nello stesso modo pre-
visto per la modalità condizionamento, ovvero
con il tubo scarico aria applicato all’apparecchio
per permettere lo scarico dell’umidità all’esterno.
Per impostare correttamente questa modalità:
•	 Premere ripetutamente il tasto MODE finchè
appare il simbolo deumidificazione.
Con questa modalità non è possibile sele-
zionare la velocità di ventilazione che viene inve-
ce scelta automaticamente dall’apparecchio.
Modalità ventilazione (fig. 23)
Utilizzando questa modalità, non è necessario
applicare il tubo scarico aria all’apparecchio.
Per impostare correttamente questa modalità:
•	 Premere ripetutamente il tasto MODE finchè
appare il simbolo ventilazione.
•	 Selezionare la velocità di ventilazione deside-
rata premendo il tasto .
	 Le velocità disponibili sono 3:
Velocità Massima: per ottenere la
massima potenza di ventilazione.
Velocità Media: se si desidera contene-
re il livello di rumorosità mantenendo comunque
una buona capacità di ventilazione.
Velocità Minima: quando desiderate la
massima silenziosità.
Con questa modalità non è possibile selezionare
la velocità AUTO.
  21
22
10
11
4
12
16
14
13
17
15
10
11
13
17
15
1 2 3 4
5
8
10
12
11
15
16
19
20
21
22
23
24
18
17
14
13
9
7
6
1 2 3 4
5
8
10
12
11
15
16
19
20
21
22
23
24
18
17
14
13
9
7
6
Pagina: 10
11
Modalità SMART (fig. 24)
La modalità SMART cerca di ricreare nell’ambien-
te le condizioni ideali di benessere. L’apparecchio
stabilirà automaticamente se funzionare in con-
dizionamento, ventilazione o rimanere inattivo a
seconda delle condizioni ambientali rilevate.
Per impostare questa modalità:
•	 Premere ripetutamente il tasto MODE finchè
appare il simbolo SMART.
•	 Selezionare la velocità di ventilazione deside-
rata.
	
descrizione del telecomando
1	 Simbolo condizionamento
2	 Simbolo deumidificazione
3	 Simbolo ventilazione
4	 Simbolo funzione SMART
5	 Indicatore scala di temperatura selezionata
6	 Trasmissione segnale
7	 Simbolo funzione boost
8	 Simbolo funzione sleep
9	 Indicatore AUTOFAN
10	 Indicatore velocità di ventilazione
11  Simbolo TIMER ON
12	 Simbolo TIMER OFF
13	 Orologio
14	 Tasto ON/Stand-by
15	 Tasto FAN
16	 Tasto incremento (+) e decremento (-)
17	 Tasto MODE (selezione  modalità)
18	 Tasto “Reset”
	 (ritorno alle impostazioni originali)
19	 Tasto OK
20	 Tasto TIMER OFF
21	 Tasto selezione °C o °F
22	 Tasto funzione sleep
23	 Tasto funzione boost
24	 Tasto TIMER ON
1 2 3 4
5
8
10
12
11
15
16
19
20
21
22
23
24
18
17
14
13
9
7
6
23
  24
Pagina: 11
12
UTILIZZO DEL telecomando
•	 Rivolgere il telecomando verso il ricevitore di
segnale dell’apparecchio. La distanza opera-
tiva massima tra il telecomando e l’apparec-
chio è di 7 metri  (senza alcun ostacolo tra il
telecomando e il ricevitore).
•	 Il telecomando va maneggiato con estrema
cura, senza farlo cadere, senza esporlo alla
luce  diretta del sole o a fonti di calore.
Inserimento o sostituzione delle batterie
•	 Rimuovere il coperchio situato sul retro del
telecomando (fig. 25);
•	 Inserire nella giusta posizione due batterie
R03 “AAA” 1,5V  (vedere indicazioni all’inter-
no del vano batterie);
•	 Reinserire il coperchio.
	 Sia in caso di sostituzione che di smaltimen-
to del telecomando, le batterie devono essere
rimosse ed eliminate secondo le leggi vigenti
in quanto dannose per l’ambiente.
Impostare l’ora esatta
Dopo aver inserito le batterie, l’orologio del di-
splay lampeggia fintanto che non viene imposta-
ta l’ora esatta.
Procedere quindi come segue:
•	 Premere il tasto      o il tasto      fino al
raggiungimento dell’ora esatta. Mantenendo
premuto il tasto, si attiva lo scorrimento au-
tomatico, prima dei singoli minuti, poi delle
decine di minuti.
•	 Raggiunto l’orario corretto, rilasciare questo
tasto e premere il tasto OK per confermare.
•	 Per annullare la programmazione del teleco-
mando e ritornare alle impostazioni originali,
premere leggermente, con la punta di una
matita o di una penna, il pulsante .
Funzionamento con
telecomando
La prima parte dei comandi disponibili sul teleco-
mando corrisponde esattamente al pannello
di controllo dell’apparecchio (fig. 26).
Fate quindi riferimento alle istruzioni riportate
nel capitolo Funzionamento da pannello di 
controllo per:
•	 accendere  o spegnere l’apparecchio
•	 selezionare la modalità di funzionamento
(condizionamento, deumidificazione, ventila-
zione o Smart) e la velocità di ventilazione;
•	 impostare la temperatura desiderata.
Nella sezione che segue, verranno illustrate le
funzioni aggiuntive relative ai comandi posti nella
parte inferiore del telecomando.
MAX. 7 metri
25
26
Pagina: 12
13
Funzione Boost (fig.27)
È ideale nei periodi estivi per rinfrescare velo-
cemente la stanza. Si attiva semplicemente pre-
mendo il tasto       .
L’apparecchio funziona in condizionamento alla
massima velocità di ventilazione ed alla massima
potenza; fintanto che è selezionata questa moda-
lità non è possibile impostare la temperatura o
modificare la velocità di  ventilazione.
           
Con la funzione BOOST attiva, la durata
della carica d’acqua può risultare inferiore ri-
spetto alla modalità Condizionamento. D’altro
canto, la potenza raffreddante e l’efficienza
dell’apparecchio sono maggiori.
Selezione della scala di tempera-
tura (fig.28)
Premendo il tasto         , l’apparecchio commuta
la visualizzazione della temperatura da °C a °F e
viceversa.	
          Funzione sleep (fig. 29)
Questa funzione è utile nelle ore notturne, per-
ché riduce progressivamente il funzionamento
dell’apparecchio per poi spegnerlo dopo 8 ore.
Per impostare correttamente questa funzione:
•	 Selezionare la modalità di funzionamento
(condizionamento, deumidificazione, smart)
come precedentemente illustrato.
•	 Premere il tasto        .  L’apparecchio funziona
con la modalità precedentemente selezionata
e la velocità di ventilazione più bassa possi-
bile.
La velocità di ventilazione è sempre alla minima
potenza mentre la temperatura dell’ambiente o il
tasso di umidità, variano gradualmente seguen-
do le esigenze di benessere.
Nella modalità di condizionamento, la tempera-
tura aumenta di 1°C dopo 60 minuti e di un altro
grado dopo 2 ore.
Nella modalità di deumidificazione, la capacità
deumidificante dell’apparecchio viene parzial-
mente ridotta ogni ora per 2 volte.
27
28
29
Pagina: 13
14
Qualora fosse necessario disattivare anticipata-
mente la programmazione del timer in accensio-
ne o spegnimento, premere 2 volte il tasto          	
o          	 rispettivamente.
PROGRAMMARE IL TIMER
La programmazione del timer vi permette di im-
postare gli orari di funzionamento dell’apparec-
chio da voi desiderati.
Programmare l’accensione
•	 Premere il tasto        .  Sul display del tele-
comando lampeggiano l’orario di accensione
ed il simbolo          (fig. 30).
•	 Premere i tasti         o       per impostare
l’orario di accensione desiderato.
•	 Una volta raggiunto l’orario desiderato, pre-
mere il tasto OK  per confermarlo (fig. 31):
sul display del telecomando rimane acceso il
simbolo 	      mentre sul display dell’ap-
parecchio appare il simbolo        ad indicare
che il funzionamento con timer è attivo.
Programmare lo spegnimento
•	 Premere il tasto       . Sul display del teleco-
mando lampeggiano l’orario di spegnimento
ed il simbolo          (fig. 32).
•	 Premere i tasti         o        per impostare
l’orario di spegnimento desiderato.
•	 Una volta raggiunto l’orario desiderato, pre-
mere il tasto OK  per confermarlo (fig. 33):
sul display del telecomando rimane acceso il
simbolo          mentre sul display dell’appa-
recchio appare il simbolo      ad indicare che
il funzionamento con timer è attivo.
30
32
31
33
Pagina: 14
15
AUtodiagnosi
L’apparecchio è dotato di un sistema di autodiagnosi che identifica alcune anomalie di funzionamento.
I messaggi di errore compaiono sul display dell’apparecchio.
se sul display
compare…
… cosa fare?
Low Temperature
(antigelo)
L’apparecchio possiede un dispositivo di sbrinamento che evita l’eccessiva formazione
di ghiaccio. L’apparecchio riprende automaticamente a funzionare una volta terminato
il processo di sbrinamento.
High Level
(Vaschetta interna piena)
Vuotare la vaschetta interna di sicurezza seguendo le indicazioni al paragrafo “Opera-
zioni di fine stagione”. Se l’anomalia si ripresenta rivolgersi al più vicino centro
di assistenza autorizzato.
Change filter
(cambio filtro)
Questo messaggio segnala la necessità di sostituire il filtro acqua come descritto nel
paragrafo “Sostituzione del filtro anticalcare”.
se sul display
compare…
… cosa fare?
Probe Failure
(sonda danneggiata)
Se compare questa scritta, rivolgersi al più vicino centro di assistenza autorizzato.
Failure1
In presenza dell’allarme F1 la macchina continua  a funzionare regolarmente in mo-
dalità aria-aria.
Per resettare l’allarme scollegare e ricollegare la spina dell’apparecchio.
Nel caso l’allarme si ripetesse frequentemente contattare il centro assistenza.
Pagina: 15
16
consigli per un utilizzo
corretto
Ci sono alcune indicazioni da seguire per ottene-
re il massimo rendimento dal climatizzatore:
•	 chiudete i serramenti dell’ambiente da cli-
matizzare (fig. 34).  Nel caso di installazione
semi-permanente vi consigliamo però di la-
sciare leggermente aperta una porta, anche
solo di 1 cm per garantire il giusto ricambio
dell’aria;
• 	 proteggete la stanza dalle esposizioni diret-
te del sole, tirando le tende e/o abbassando
parzialmente le tapparelle in modo da avere
un funzionamento estremamente economico
(fig. 35);
• 	 non appoggiate oggetti sul climatizzatore;
• 	 non ostacolate l’aspirazione e l’uscita d’aria
(fig. 36) lasciando libere entrambe le griglie;
• 	 assicurarsi che nell’ambiente non vi siano
sorgenti di calore;
• 	 non utilizzare l’apparecchio in ambienti ad
alto tasso di umidità (tipo lavanderia);
• 	 non utilizzare l’apparecchio all’esterno;
• 	 controllare che il climatizzatore sia posto su
una superficie piana. Inserire eventualmente
gli accessori fermaruote sotto le ruote ante-
riori.
filtri di purificazione ARIA
Questo apparecchio è dotato di due filtri antipol-
vere atti a preservare l’efficienza della macchina.
Il primo è situato nella parte posteriore in corri-
spondenza della griglia di aspirazione, il secondo
è situato nel fianco (fig. 37-38).
chiudere finestre e porte
chiudere le tende
non coprire
34
35
36
37
38
Pagina: 16
17
Alcuni modelli, nella griglia posteriore prevedono
l’utilizzo di un filtro antipolvere a ioni d’argento e
di un filtro supplementare elettrostatico.
Filtro a ioni d’argento
Questo filtro antipolvere è trattato con ioni d’ar-
gento che oltre a trattenere le particelle di polvere
svolge un’efficace azione antibatterica. Inoltre, ri-
duce fortemente altri agenti irritanti come pollini
e spore.
Filtro elettrostatico
Il filtro elettrostatico trattiene particelle di polvere
più sottili potenziando così la capacità di filtrazio-
ne dell’apparecchio.
Applicare i filtri alla griglia
L’apparecchio può essere utilizzato con i soli filtri
antipolvere già inseriti nelle griglie.
Per utilizzare il   filtro elettrostatico (se fornito
con il modello in vostro possesso) estrarlo dalla
confezione e agganciarlo al filtro antipolvere infi-
landolo sotto gli appositi ganci (fig. 39).
Nel caso decidiate di non utilizzarlo, è consiglia-
bile conservare il filtro sigillato nella confezione.
pulizia
Prima di ogni operazione di pulizia o di manuten-
zione, spegnete l’apparecchio premendo il tasto             
	
         sul pannello di controllo o sul telecomando,
attendete alcuni secondi e quindi staccate la spi-
na dalla presa di corrente.
Pulizia del mobile esterno
Pulite l’apparecchio con un panno leggermente
inumidito ed asciugate con un panno asciutto.
• 	 Non lavate il climatizzatore con acqua: po-
trebbe essere pericoloso.
• 	 Non usare benzina, alcool o solventi per la
pulizia. Non spruzzare liquido insetticida o
simili.
Pulizia dei filtri dell’aria
Per mantenere inalterata l’efficienza del vostro
climatizzatore Vi consigliamo di pulire i filtri anti-
polvere ogni settimana di funzionamento.
Pulizia dei filtri antipolvere in dotazione a
tutti i modelli
Ogni filtro è situato in corrispondenza della gri-
glia di aspirazione e la griglia è a sua volta la sede
del filtro stesso.
Per la pulizia del filtro sarà quindi necessario:
• 	 Rimuovere la griglia di aspirazione, tirandola
verso l’esterno (fig. 37).
•	 Rimuovere il filtro antipolvere sganciandolo
dalla griglia (fig. 38).
•	 Per togliere la polvere depositata sul filtro
usare un aspirapolvere. Se è molto sporco
immergerlo in acqua tiepida risciacquando
più volte.
•	 Dopo averlo lavato, lasciare asciugare bene il
filtro.
•	 Per reinserirlo, ricollocate il filtro nella griglia
di aspirazione, quindi riagganciate quest’ulti-
ma alla macchina.
Filtro ioni
d’argento
Filtro elettrostatico
39
Pagina: 17
18
Pulizia del filtro a ioni d’argento e del fil-
tro elettrostatico (in dotazione solo in alcu-
ni modelli)
Quando occorre pulire il filtro a ioni d’argento, il
filtro elettrostatico va temporaneamente rimos-
so. Per la pulizia dei filtri, utilizzare un aspirapol-
vere a potenza intermedia.
Il filtro a ioni d’argento può essere lavato con
acqua tiepida: lasciare asciugare bene prima di
reinserirlo.
Il filtro elettrostatico non è lavabile ma è consi-
gliabile comunque sostituirlo almeno ogni 2 sta-
gioni.
Il filtro elettrostatico si può acquistare sia nei ne-
gozi che vendono accessori De’Longhi che nei
Centri Assistenza Autorizzati.
OPERAZIONI DI INIZIO STAGIONE
Verificate che il cavo di alimentazione e la presa
siano perfettamente integri e assicuratevi che
l’impianto di messa a terra sia efficiente. Osser-
vate scrupolosamente le norme di installazione.
OPERAZIONI DI FINE STAGIONE
Prima di riporre l’apparecchio o nell’eventualità
di doverlo trasportare in un altro luogo, è neces-
sario eseguire  lo svuotamento dell’acqua resi-
dua presente nei serbatoi.
Svuotamento serbatoio
Estrarre il serbatoio come indicato nel capitolo
“COME RIEMPIRE IL SERBATOIO”, sganciare il
tubetto di drenaggio posto sul lato sinistro del
serbatoio (fig. 40-41), posizionare l’estremità in
prossimità di un recipiente, togliere il tappo e far
defluire completamente l’acqua residua.
Svuotamento vaschetta interna
Per agevolare questa operazione è consigliabile,
ad inizio stagione, sostituire il tappo del beccuc-
cio (G) con il tubo di drenaggio + tappo (U).
Posizionare in prossimità del beccuccio posto
sul retro della macchina un recipiente (fig. 42)
(es. caraffa o bottiglia) togliere il tappo e far de-
fluire l’acqua residua. A svuotamento completato
reintrodurre il tappo nella sua sede.
ATTENZIONE la quantità d’acqua da smaltire po-
trebbe raggiungere anche 2 l.
•	 Dopo aver effettuato le 2 operazioni prece-
denti far funzionare l’apparecchio solo in
funzione ventilazione per circa mezz’ora. In
questo modo le parti interne dell’apparecchio
si asciugano evitando ristagni di umidità.
•	 Spegnere l’apparecchio e staccare la spina.
•	 Togliere il tubo di scarico aria e quello di sca-
rico acqua di condensa.
•	 Procedere alla pulizia dei filtri antipolvere.
•	 Riporre l’apparecchio coperto per evitare che
entri la polvere.
40
41
42
Pagina: 18
19
caratteristiche tecniche
Tensione di
alimentazione
Potenza massima
assorbita in condizionamento
Refrigerante	
Potenza frigorifera
	
Condizioni limite di funzionamento
Temperatura nella stanza
in condizionamento		 21÷35°C
garanzia
Le condizioni di garanzia e di assistenza tecnica
sono riportate nella documentazione fornita a
corredo del Vostro apparecchio.
vedi targa caratteristiche
“
“
“
Pagina: 19
20
problemi CAUSE RIMEDIO
Il climatizzatore non si
accende
•	 manca la corrente
•	 la spina non è inserita
•	 è intervenuto il dispositivo di protezione
interno
•	 attendere
•	 inserire la spina
•	 chiamare il centro assistenza
Il climatizzatore
funziona per breve
tempo
•	 il tubo di scarico aria forma una
strozzatura o presenta delle pieghe
•	 un’ostruzione impedisce lo scarico
dell’aria all’esterno.
•	 posizionare correttamente il tubo
scarico aria limitando il più possibile la
lunghezza e le curve evitando qualunque
strozzatura
•	 individuare e rimuovere gli ostacoli
che impediscono lo scarico dell’aria
all’esterno
Il climatizzatore
funziona ma non
rinfresca la stanza
•	 serramenti, tende aperte
•	 nella stanza è in funzione qualche fonte
di calore (forno, phon, ecc.)
•	 il tubo scarico aria si è sganciato
dall’apparecchio
•	 filtri antipolvere intasati
•       le caratteristiche tecniche
dell’apparecchio non sono adeguate a
climatizzare la stanza dove è collocato.
•	 chiudete i serramenti e le tende,
tenendo presente i “consigli  per 
un corretto utilizzo” riportati
precedentemente
•	 eliminare le fonti di calore
•	 fissare il tubo di scarico aria
nell’apposito alloggiamento posto nella
parte posteriore dell’apparecchio (fig. 1)
•	 procedere alla pulizia dei filtri come
precedentemente descritto
Durante il
funzionamento si  
genera un odore
fastidioso nella stanza
•       filtro antipolvere e (nei modelli dove è
previsto)  filtro elettrostatico intasati.
•	 procedere alla pulizia o sostituzione dei
filtri come precedentemente descritto
Il climatizzatore non
funziona per circa 3
minuti dal riavvio
•	 a protezione del compressore,
un dispositivo interno ne ritarda
l’accensione per circa 3 minuti dal
riavvio.
•	 attendere; questo intervallo di tempo
dal riavvio fa parte del normale
funzionamento.
Nel display
dell’apparecchio
compare il simbolo      
con una delle seguenti
scritte:
LT/HL/Cf/PF/FI
•	 L’apparecchio è dotato di un sistema
di autodiagnosi che identifica alcune
anomalie di funzionamento.
•	 fate riferimento al capitolo
AUTODIAGNOSI.
se qualcosa non funziona

Domande e risposte

Mio pac fa molto rumore di ventilatore alla partenza. Quale potrebbe essere la causa?

Pubblicata il 1 anno fa da Mkouonga wabo

Segnala mancanza d’acqua col serbatoio pieno e in funzione non raffredda e non consuma acqua. Cosa può essere.?

Pubblicata il 11 mesi fa da Alessia

Quanto po' essere lungo il. Tubo di scarico

Pubblicata il 11 mesi fa da Barbara

Chiedi informazioni sul DeLonghi Pinguino PAC WE110 ECO

Hai una domanda sul DeLonghi Pinguino PAC WE110 ECO ma non riesci a trovare una risposta nel manuale dell'utente? Probabilmente gli utenti di ManualsCat.com potranno aiutarti a rispondere alla tua domanda. Completando il seguente modulo, la tua domanda apparirà sotto al manuale del DeLonghi Pinguino PAC WE110 ECO. Assicurati di descrivere il problema riscontrato con il DeLonghi Pinguino PAC WE110 ECO nel modo più preciso possibile. Quanto più è precisa la tua domanda, maggiori sono le possibilità di ricevere rapidamente una risposta da parte di un altro utente. Riceverai automaticamente una e-mail per informarti che qualcuno ha risposto alla tua domanda.