Manuale di Bosch TA 211 E

Visualizza di seguito un manuale del Bosch TA 211 E. Tutti i manuali su ManualsCat.com possono essere visualizzati gratuitamente. Tramite il pulsante "Seleziona una lingua", puoi scegliere la lingua in cui desideri visualizzare il manuale.

  • Marca: Bosch
  • Prodotto: Termostati
  • Modello/nome: TA 211 E
  • Tipo di file: PDF
  • Lingue disponibili: , , , , , , , ,

Sommario

Pagina: 22
23
TA 211 E
Italiano
Indice
1 Indicazioni di sicurezza ...................................... 23
2 Impiego ......................................................................... 23
3 Dati tecnici .................................................................. 23
4 Montaggio ................................................................... 24
5 Collegamento elettrico ........................................ 24
6 Messa in esercizio ................................................. 26
7 Impostazione della centralina
climatica ....................................................................... 26
8 Programmazione dell’orologio
programmatore ........................................................ 29
9 Avvertenze ................................................................. 29
10 Disfunzione ................................................................ 29
1 Indicazioni di sicurezza
La centralina climatica viene montata di-
rettamente nell’apparecchio di riscalda-
mento a gas. La centralina di regolazio-
ne può essere collegata al rispettivo ap-
parecchio di riscaldamento soltanto in
base al rispettivo schema (di collega-
mento). Non allacciare la centralina di-
rettamente alle rete elettrica a 230 V.
La centralina climatica può essere utiliz-
zata collegandola esclusivamente con
apparecchiature di riscaldamento equi-
paggiate con Bosch Heatronic.
Prima di allacciare la centralina togliere
l’alimentazione elettrica alla caldaia.
2 Impiego
La TA 211 E è una centralina di riscaldamen-
to funzionante in base alle condizioni meteo-
rologiche ed è prevista per il montaggio nella
centralina di comando degli apparecchi di ri-
scaldamento a gas a funzionamento modu-
lante equipaggiate con Bosch Heatronic.
2.1 Dotazione
La centralina climatica TA 211 E (fig. ) vie-
ne fornita unitamente al sensore esterno e al
materiale occorrente alla sua installazione. La
centralina climatica viene collegata diretta-
mente alla scheda elettronica in caldaia.
2.2 Accessori
Alla mandata di un impianto di riscaldamento
a pavimento è indispensabile, conformemen-
te alle disposizioni della casa costruttrice, ap-
plicare un limitatore temperatura di mandata.
La centralina climatica viene fornita senza
cronoruttore, è possibile acquistarlo come ac-
cessorio.
È possibile abbinare alla centralina un coman-
do remoto con cronoruttore come da tabella
seguente:
3 Dati tecnici
3.1 Valori ohmici sensore NTC
esterno AF
2
Combinazione schema di
collegamento
elettrico
TA 211 E + EU 3 T Fig.
TA 211 E + DT 1 Fig.
TA 211 E + EU 2 D Fig.
TA 211 E + DT 2 Fig.
TA 211 E + EU 3 T + TW 2 Fig.
TA 211 E + DT 1 + TW 2 Fig.
TA 211 E + EU 2 D + TW 2 Fig.
TA 211 E + DT 2 + TW 2 Fig.
TA 211 E + TFQ 2 T Fig.
TA 211 E + TFQ 2 W Fig.
TA 211 E + TFP 3 Fig.
Campo di misurazione
della sonda della tempera-
tura esterna – 20 …+30 °C
Temperatura ammessa nel
luogo di installazione della
sonda temperatura esterna – 30 … +50 °C
Classe di protezione III
°C ΩAF V °C ΩAF V
– 20 2392 2,64 4 984 1,65
– 16 2088 2,49 8 842 1,49
– 12 1811 2,33 12 720 1,34
– 8 1562 2,16 16 616 1,20
– 4 1342 1,99 20 528 1,07
0 1149 1,82 24 454 0,95
8
8
8
8
9
9
9
9
10
10
10
Pagina: 23
TA 211 E
24
Italiano
4 Montaggio
Prima di operare sulla caldaia togliere
l’alimentazione elettrica (230 V, 50 Hz).
4.1 Montaggio del sensore di rilevamen-
to della temperatura esterna (AF)
(fig. e fig. )
Il sensore è studiato per permetterne l’instal-
lazione fuori traccia sul muro perimetrale della
casa.
Per l’installazione seguire le seguenti avver-
tenze:
• Parete Nordest fino a quella Nordovest del-
la casa.
• Altezza min. sopra il livello di campagna
2 m.
• Evitare di influenzare il sensore tramite fonti
di calore quali finestre, canne fumarie, rag-
gi solari o altro (fig. ).
• Sono considerati luoghi inadeguati all’in-
stallazione del sensore nicchie, solette di
balconi e gronde (fig. ).
• Se i locali principali dell’abitazione sono tutti
rivolti verso lo stesso punto cardinale, il sen-
sore può venire montato in quella direzione.
Avvertenza:
• Se l’installazione avviene sulla parete Est
della casa assicurarsi che il sensore sia in
ombra durante le prime ore del mattino (ad
es. per effetto di una casa vicina).
Motivo: in seguito al funzionamento in ridu-
zione di temperatura il sole del mattino ha
una influenza negativa sul riscaldamento
dell’appartamento.
• Se i locali principali dell’abitazione sono
orientati secondo due punti cardinali vicini,
installare il sensore sulla parete climatica-
mente sfavorita.
• L’altezza pari alla metà di quella riscalda ta
(H/2 fig. ) si è dimostrata essere la quota
migliore di installazione del sensore.
Rimuovere le protezioni (AFc e AFb) del sen-
sore e fissare la custodia con due viti alla pa-
rete esterna della casa (fig. ).
Leggenda relativa alla figura :
Y/H = Altezza abitata da controllare tramite
la sonda.
= posto di montaggio consigliato
= posto di montaggio alternativo
4.2 Installazione della centralina climati-
ca (fig. e fig. )
➀ Rimuovere la copertura (f, fig. ).
➁ Svitare la vite (g, fig. ).
➂ Rimuovere la copertura (h) tirandola verso
di sè (fig. ).
➃ Rimuovere la copertura (i) con movimento
verso il basso (fig. ).
➄ Inserire con movimento dal basso verso
l’alto nel suo alloggiamento (fig. ) ,gui-
data dagli appositi binari, la centralina cli-
matica TA 211 E.
➅ Innestare il connettore (k) nella scheda
elettronica nell’apposita presa (fig. ).
4.3 Installazione accessori
Installare il cronoruttore, il comando remoto e
la sicurezza meccanica seguendo le relative
istruzioni.
5 Collegamento elettrico
Il collegamento elettrico della centralina cli-
matica è stato già descritto nel paragrafo 4.2.
Utilizzare cavi di collegamento con la seguen-
te sezione:
Conformemente alle vigenti prescrizioni, per il
collegamento della sonda temperatura ester-
na e del telecomando devono essere utilizzati
cavi conformi alle normative vigenti.
Per evitare fenomeni di induzione mantenere
separate, ad una distanza di almeno 100 mm,
le linee a bassa tensione 24 V e le linee di rete
230 V/380 V.
Utilizzare cavi schermati in presenza di feno-
meni di induzione provenienti dall’esterno
causati da linee elettriche ad alta tensione,
apparecchi a microonde, segnali radio ecc.
3 5
5
5
5
3
5
• Dalla TA 211 E al sensore esterno:
fino a 20 m 0,75 mm2 fino a 1,5 mm2
da 20 m -
fino a 30 m 1,0 mm2 fino a 1,5 mm2
oltre i 30 m 1,5 mm2
• Dalla TA 211 E al comando remoto:
1,5mm2
11 15
11
12
12
13
14
15
Pagina: 24
25
TA 211 E
Italiano
L’elettronica di bordo imposta automatica-
mente il modo di funzionamento III della
pompa all’installazione della centralina cli-
matica ad incasso in caldaia.
Le figure e rappresentano in modo sche-
matico l’abbinamento della centralina climati-
ca ad un impianto a radiatori ed una a pavi-
mento.
In funzione dell’accessorio utilizzato seguire il
relativo schema elettrico di collegamento (da
fig. a ).
Legenda figg. da a :
PI Pompa
SF Sonda del bollitore ad accumulo (NTC)
B2 Limitatore temperatura di mandata
(solo in caso di impianto di riscalda-
mento a pavimento).
AF Sensore esterno
FB Comando remoto
WS Accumulo a riscaldamento indiretto
RK Valvola di non ritorno
E Valvola di sfiato aria
5.1 Collegamento elettrico sensore
esterno (AF)
• Rimuovere le protezioni (AFc e AFb, fig. ).
• Far passare il cavo attraverso il passacavo
a vite (AFd) e allacciarlo ai morsetti (AFe).
• Avvitare il passacavo a vite (AFd) in modo
da ottenere una protezione sicura contro gli
spruzzi d’acqua.
• Rimontare le protezioni della custodia del
sensore.
• Far passare il cavo di collegamento attra-
verso il passacavo della caldaia.
• Collegare il cavo ai morsetti „A“ e „F“ della
centralina climatica (fig. e fig. ).
5.2 Collegamento elettrico
dell’accessorio (da fig. a fig. )
5.2.1 Cronoruttore
• Collegare l’eventuale cronoruttore al con-
nettore ad innesto ST 5 della scheda
elettronica base secondo le figg. e .
5.2.2 Comando remoto
• Collegare l’eventuale comando remoto
TW 2 ai morsetti 3 e 4 della centralina cli-
matica TA 211 E (fig. ).
• Collegare l’eventuale comando remoto
TFQ 2 T, TFQ 2 W o TFP 3 ai morsetti
1, 3 e 4 della centralina climatica TA 211 E
(fig. ).
5.2.3 Limitatore temperatura di mandata
• Inserire un limitatore temperatura di manda-
ta aggiuntivo sulla mandata dell’impianto di
riscaldamento a pavimento. Effettuare il col-
legamento come da istruzioni allegate in
caldaia.
5.3 Chiudere la scatola elettrica
• Rimontare il coperchio (h) e assicurarlo con
la vite (g, fig. ).
• Ricollocare la copertura (f) nella sua posi-
zione originale (fig. ).
6 Messa in esercizio
Contemporaneamente alla messa in esercizio
della caldaia viene messa in funzione anche
la centralina climatica ad incasso TA 211 E.
7 Impostazione della centralina
climatica
Legenda figg. da e :
a Temperatura di spegnimento automa-
tico del riscaldamento
b Selettore di programma
c Piede della curva
d Funzionamento in riduzione di
temperatura
e Temperatura massima di mandata
VT Temperatura di mandata
AT Temperatura esterna
MVT Temperatura media di mandata
6 7
8 10
6 10
3
8 10
8 10
8 9
9
10
12
11
1 4
Pagina: 25
TA 211 E
26
Italiano
7.1 Temperatura di
spegnimento automatico
del riscaldamento (a)
Con questo selettore é possibile definire in
corrispondenza di quale valore della tempera-
tura esterna (da 15 a 25 °C) si disinserisce au-
tomaticamente la funzione di riscaldamento
(bruciatore e pompa).
Esempio: in posizione „20“ la funzione di ri-
scaldamento viene automaticamente disatti-
vata in corrispondenza della temperatura
esterna di ca. +20,5 °C, con una temperatura
esterna inferiore a ca. +18,5 °C viene riattiva-
ta automaticamente la funzione di riscalda-
mento.
Il valore impostato viene deciso dall’utente.
Nella posizione ∞, utilizzata dal tecnico, la
funzione descritta è disabilitata, la funzione di
riscaldamento è attiva con qualsiasi tempera-
tura esterna (ad es. durante la prima messa in
funzione in estate).
7.2 Selettore di programma (b)
Tramite questo selettore è possibile selezio-
nare sei diverse modalità di funzionamento:
7.2.1 Funzionamento in riduzione
di temperatura
In combinazione dell’impostazione con la
riduzione di temperatura (d) si ha il seguente
modo di funzionamento:
Funzionamento
continuato in ridu-
zione di temperatu-
ra e funzione antige-
lo
In corrispondenza ad una temperatura ester-
na maggiore di + 4 °C la caldaia e la pompa
vengono disattivate. In corrispondenza ad
una temperatura esterna minore di + 3 °C la
caldaia si accende automaticamente mante-
nendo la potenza al minimo. La pompa è atti-
va.
Avvertenza: Porre attenzione affinché du-
rante il funzionamento in anti-
gelo la manopola di imposta-
zione della temperatura di
mandata sia almeno posto in
corrispondenza di „1“ o „ y“.
Selezionare questa posizione in estate
e durante le vacanze invernali, quando la tem-
peratura del locale può abbassarsi sensibil-
mente (Attenzione alle piante e agli animali
domestici).
La programmazione effettuata tramite il cro-
noruttore viene inibita. Ricordarsi di riportare il
selettore in posizione di funzionamento in
automatico.
Il funzionamento in riduzione di tempe-
ratura (d) in combinazione ad una impostazio-
ne tra „0“ e „–40“ determina il seguente tipo di
funzionamento:
Funzionamento
continuato in riduzio-
ne di temperatura
La temperatura di mandata viene costante-
mente abbassata del valore impostato tramite
il selettore (d). Il tipo di funzionamento descrit-
to è di riduzione di temperatura. La pompa è
attiva.
Selezionare questa posizione durante
le vacanze invernali quando la temperatura
del locale non deve abbassarsi troppo.
La programmazione effettuata tramite il cro-
noruttore viene inibita. Ricordarsi di riportare il
selettore in posizione di funzionamento in
automatico.
Durante l’esercizio in riduzione l’impianto di ri-
scaldamento ad esercizio di riscaldamento ri-
dotto resta in esercizio con ogni temperatura
esterna, la pompa è inserita.
7.2.2 Commutazione automatica
Il modo di funzionamento corrisponde a quello
programmato in modo diurno ed in riduzione
di temperatura.
In combinazione dell’impostazione con la
riduzione di temperatura (d) si ha il seguente
modo di funzionamento:
Modo di funziona-
mento in riduzione
di temperatura
Passaggio automatico tra modalità di funzio-
namento diurno e in antigelo, secondo gli in-
tervalli di funzionamento programmati tramite
il cronoruttore.
∞
15
20
25
-40 -10
0
-30 -20
☞
Tip
-40 -10
0
-30 -20
☞
Tip
-40 -10
0
-30 -20
Pagina: 26
27
TA 211 E
Italiano
Durante il funzionamento in antigelo (ad es. di
notte), in corrispondenza di una temperatura
esterna maggiore a ca. +3 °C, il bruciatore e
la pompa rimangono inibiti.
Avvertenza: Porre attenzione affinché du-
rante il funzionamento in anti-
gelo la manopola di imposta-
zione della temperatura di
mandata sia almeno posto in
corrispondenza di „1“ o „ y“.
Scegliere il modo di funzionamento in ri-
duzione di temperatura solo se la coibentazio-
ne dell’abitazione è tale da evitare durante la
notte un sensibile abbassamento della tempe-
ratura.
Modo di funziona-
mento automatico
Passaggio automatico tra il modo di funziona-
mento diurno ed in riduzione di temperatura in
funzione dei periodi di programmazione.
Impostare questa selezione ad eserci-
zio economico qualora la coibentazione del
Vostro edificio sia soltanto media e dovesse
rendersi necessario un esercizio in riduzione
(p. e. di notte) per impedire un raffreddamento
eccessivo. Durante l’esercizio in riduzione
l’impianto di riscaldamento ad esercizio di ri-
scaldamento ridotto resta in esercizio con
ogni temperatura esterna, la pompa è inserita.
7.2.3 Modo di funzionamento
diurno
La temperatura di mandata non viene abbas-
sata.
Scegliere l’impostazione descritta se è
necessario riscaldare l’ambiente oltre l’orario
consueto (ad es. durante una festa). Il funzio-
namento in riduzione impostato tramite il cro-
noruttore (accessorio) viene ignorato.
Ricordarsi di riportare il selettore in
posizione di funzionamento automatico.
7.3 Impostazione della curva di
riscaldamento
La curva di riscaldamento determina in funzio-
ne della temperatura esterna rilevata la tem-
peratura di mandata del riscaldamento. La
corretta impostazione della curva di riscalda-
mento è fondamentale per mantenere una
temperatura ambiente costante.
La curva di riscaldamento (fig. ) è funzione
del piede della curva (c) e della temperatura di
mandata massima (e).
Durante la messa in servizio, posizionare la
manopola d'impostazione della temperatura
di mandata nella posizione (e) (fig. ).
7.3.1 Impostazione piede della-
curva di riscaldamento (c)
Tramite il piede della curva viene impostata la
temperatura di mandata in °C in corrispon-
denza di una temperatura esterna di +20 °C.
L’intervallo va da 10 a 60 °C.
La curva di riscaldamento descritta in fig. si
riferisce ad un valore del piede della curva
pari a 25 °C. Utilizzare tale valore per la prima
messa in servizio.
Qualora l’impianto di riscaldamento lo
permetta scegliere un valore di impostazione
del piede della curva più basso (ad es. 20). Se
la temperatura dei locali risulta troppo bassa,
anche con le valvole termostatiche completa-
mente aperte, scegliere un valore di imposta-
zione più alto (ad es. 30).
7.3.2 Impostazione
della temperatura
massimadi mandata
(e)
La temperatura di
mandata massima vie-
ne impostata tramite la manopola di imposta-
zione (e) tra ca. 40 °C e di conseguenza tra
ca. 90 °C.
La temperatura massima impostata
nell’esempio (fig. , punto e) viene raggiunto
con una temperatura esterna pari a –15 °C.
Avvertenza: Tramite la manopola (e) viene
impostata contemporanea-
mente la temperatura di man-
data e il funzionamento estivo
( , battuta a sinistra).
Segnarsi l’impostazione della
temperatura di mandata
(fig. , punto e).
☞
Tip
-40 -10
0
-30 -20
☞
Tip
☞
Tip
4
1
10 40
50
60
20 30
4
☞
Tip
E
2 5
3 4
1
ECO
E
4
4
Pagina: 27
TA 211 E
28
Italiano
La temperatura di mandata necessaria in cor-
rispondenza ad una temperatura esterna pari
a –15°C è ricavabile dai dati tecnici dell’im-
pianto di riscaldamento. Se i dati necessari
non sono disponibili rifarsi all’esperienza di
impostazione di impianti precedenti.
Se con una temperatura esterna molto
rigida e con le valvole termostatiche tutte
aperte la temperatura ambiente è bassa, sce-
gliere una temperatura di mandata di mezzo
valore più alto (fig. , e). Se con una tempe-
ratura esterna molto rigida e con le valvole ter-
mostatiche tutte aperte la temperatura
ambiente è troppo alta, scegliere una tempe-
ratura di mandata di mezzo valore più basso
(fig. , e).
7.3.3 Funzionamento in ridu-
zione di temperatura (d)
In posizione (antigelo) la caldaia rimane
spenta fino a quando la temperatura esterna
è maggiore di 4 °C, pompa e bruciatore inibiti
(vedi paragrafo 7.2).
Il valore di riduzione della temperatura impo-
stata determina uno spostamento parallelo
verso il basso della curva di riscaldamento di
un valore di K (°C) pari a quelli impostati (linea
a tratti nella figura ). La riduzione è imposta-
bile fra 0 e –40 K (°C).
Scegliere il valore di impostazione che
abbassa la temperatura diurna del valore de-
siderato.
Avvertenza: L’abbassamento della tempe-
ratura di mandata di 5 K (°C)
determina un abbassamento
della temperatura ambiente di
ca. 1 K (°C).
7.4 Abbinamento della TA 211 E con il
comando remoto TW 2 (accessorio)
Il comando remoto è attivo in collegamento
alla centralina climatica solo quando il seletto-
re di funzionamento (b) è in posizione . In
questa condizione è possibile impostare il
modo di funzionamento tramite il selettore po-
sto sul comando remoto.
Il piede della curva di funzionamento normale
o di riduzione di temperatura viene impostato
come descritto al paragrafo 7.3.
Alla posizione del selettore di funziona-
mento del TW 2 corrisponde una riduzione
della temperatura di 25 K (°C). Il valore di
riduzione della temperatura impostato tra-
mite il selettore della TA 211 E non viene
considerato.
Durante un periodo prolungato di as-
senza, se il valore di 25 K (°C) della tempera-
tura in riduzione risulta essere troppo alto
oppure troppo basso, il selettore di funziona-
mento (b) della TA 211 E può venire posto
nella posizione . Il valore desiderato di ridu-
zione viene impostato tramite il selettore (b).
Indicazioni dettagliate sul modo di funziona-
mento e la programmazione del TW 2 sono ri-
portate nel libretto istruzioni.
7.5 Abbinamento della TA 211 E con il
comando remoto TFQ 2 o TFP 3
(accessorio)
Il comando remoto è attivo solo se il selettore
di funzionamento (b) della TA 211 E è in
posizione . Il modo di funzionamento della
caldaia viene determinato dalla posizione del
selettore di funzionamento del comando re-
moto.
Avvertenza: Anche il valore della riduzione
di temperatura della mandata
viene determinato dal coman-
do remoto.
La descrizione dettagliata del funzionamento
del comando remoto sono allegate all’acces-
sorio.
8 Programmazione dell’orologio
programmatore
(accessorio opzionale)
La centralina climatica TA 211 E viene fornita
senza cronoruttore.
Le istruzioni relative sono allegate all’acces-
sorio.
9 Avvertenze
Le caldaie abbinabili alla centralina climatica
TA 211 E sono dotate di una funzione auto-
matica che in caso di funzionamento on-off li-
mita il numero delle accensioni e spegnimenti
della caldaia.
☞
Tip
4
4
-40 -10
0
-30 -20
4
☞
Tip
☞
Tip
Pagina: 28
29
TA 211 E
Italiano
Le informazioni dettagliate sono allegate
all’apparecchio.
La caldaia è dotata anche di una protezione
antigelo che mantiene la temperatura di man-
data sopra i + 10 °C.
10 Disfunzione
Una disfunzione della centralina oppure un
collegamento difettoso vengono visualizzati
sul pannello di comando dell’apparecchio di
riscaldamento attraverso relativi „codici di er-
rori“. Tramite la centralina TA 211 E. E posso-
no essere attivati i seguenti codici di errori:
• „AC“ Collegamento errato o errore interno
della centralina.
• „CC“ Collegamento errato o sensore esterno
difettoso.

Domande e risposte

Non ci sono ancora domande circa il Bosch TA 211 E

Chiedi informazioni sul Bosch TA 211 E

Hai una domanda sul Bosch TA 211 E ma non riesci a trovare una risposta nel manuale dell'utente? Probabilmente gli utenti di ManualsCat.com potranno aiutarti a rispondere alla tua domanda. Completando il seguente modulo, la tua domanda apparirà sotto al manuale del Bosch TA 211 E. Assicurati di descrivere il problema riscontrato con il Bosch TA 211 E nel modo più preciso possibile. Quanto più è precisa la tua domanda, maggiori sono le possibilità di ricevere rapidamente una risposta da parte di un altro utente. Riceverai automaticamente una e-mail per informarti che qualcuno ha risposto alla tua domanda.